Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Andare in basso

Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  armando mirante il Mer 4 Ago - 16:45

COME vi immaginate il Giorno del Giudizio? Molti pensano che miliardi di anime compariranno individualmente davanti al trono di Dio. Lì ciascuno sarà giudicato. Alcuni saranno ricompensati con la beatitudine in cielo e altri saranno condannati al tormento eterno. La Bibbia però parla in modo molto diverso di questo periodo di tempo. Lo descrive non come un periodo di terrore, ma come un tempo di speranza e di rinnovamento.

In Rivelazione 20:11, 12 leggiamo la descrizione del Giorno del Giudizio fatta dall’apostolo Giovanni:
“Vidi un grande trono bianco e colui che vi sedeva sopra. Dalla sua presenza fuggirono la terra e il cielo, e non fu trovato luogo per loro. E vidi i morti, grandi e piccoli, in piedi davanti al trono, e dei rotoli furono aperti. Ma fu aperto un altro rotolo; è il rotolo della vita. E i morti furono giudicati dalle cose scritte nei rotoli secondo le loro opere”.

Chi è il Giudice?
Geova Dio è il supremo Giudice dell’umanità, anche se delega l’effettivo compito di giudicare. Secondo Atti 17:31 l’apostolo Paolo disse che Dio “ha stabilito un giorno in cui si propone di giudicare la terra abitata con giustizia mediante un uomo che ha costituito”. Questo Giudice costituito è il risuscitato Gesù Cristo. In Giovanni 5:22 leggiamo "Poiché il Padre non giudica nessuno, ma ha affidato tutto il giudizio al Figlio"

Ma quando inizia il Giorno del Giudizio? E quanto dura?
Il libro di Rivelazione indica che il Giorno del Giudizio inizierà dopo la guerra di Armaghedon, quando il sistema di Satana sulla terra sarà distrutto. "Esse sono, infatti, espressioni ispirate da demoni e compiono segni, e vanno dai re dell’intera terra abitata, per radunarli alla guerra del gran giorno dell’Iddio Onnipotente. E li radunarono nel luogo che in ebraico si chiama Har-Maghedon". Rivelazione 16:14, 16 “E vidi la bestia selvaggia e i re della terra e i loro eserciti radunati per far guerra contro colui che sedeva sul cavallo e contro il suo esercito. E la bestia selvaggia fu presa, e con essa il falso profeta che aveva compiuto davanti ad essa i segni con cui aveva sviato quelli che avevano ricevuto il marchio della bestia selvaggia e quelli che rendono adorazione alla sua immagine. Mentre erano ancora vivi, furono entrambi scagliati nel lago di fuoco che brucia con zolfo. Ma i restanti furono uccisi con la lunga spada di colui che sedeva sul cavallo, la quale [spada] usciva dalla sua bocca. E tutti gli uccelli si saziarono delle loro carni.” “ E vidi scendere dal cielo un angelo con la chiave dell’abisso e una grande catena in mano. Ed egli afferrò il dragone, l’originale serpente, che è il Diavolo e Satana, e lo legò per mille anni. E lo scagliò nell’abisso e chiuse e sigillò [questo] sopra di lui, affinché non sviasse più le nazioni fino a quando fossero finiti i mille anni. Dopo queste cose dev’essere sciolto per un po’ di tempo”. Rivelazione 19:19–20:3

Dopo Armaghedon Satana e i demoni verranno imprigionati in un abisso per mille anni. Durante quel periodo di tempo i 144.000 coeredi di Cristo in cielo giudicheranno e ‘regneranno con lui per mille anni’. "E vidi, ed ecco, l’Agnello stava sul monte Sion, e con lui centoquarantaquattromila che avevano il suo nome e il nome del Padre suo scritto sulle loro fronti. E udii un suono dal cielo come il suono di molte acque, e come il suono di alto tuono; e il suono che udii era come di cantori che si accompagnavano con l’arpa suonando le loro arpe. Ed essi cantano come un nuovo cantico dinanzi al trono e dinanzi alle quattro creature viventi e agli anziani; e nessuno poteva imparare quel cantico se non i centoquarantaquattromila, che sono stati comprati dalla terra". Rivelazione 14:1-3
“E vidi scendere dal cielo un angelo con la chiave dell’abisso e una grande catena in mano. Ed egli afferrò il dragone, l’originale serpente, che è il Diavolo e Satana, e lo legò per mille anni. E lo scagliò nell’abisso e chiuse e sigillò [questo] sopra di lui, affinché non sviasse più le nazioni fino a quando fossero finiti i mille anni. Dopo queste cose dev’essere sciolto per un po’ di tempo. E vidi dei troni, e c’erano quelli che sedettero su di essi, e fu dato loro il potere di giudicare. Sì, vidi le anime di quelli che furono giustiziati con la scure per la testimonianza che avevano reso a Gesù e per aver parlato di Dio, e quelli che non avevano adorato né la bestia selvaggia né la sua immagine e che non avevano ricevuto il marchio sulla loro fronte e sulla loro mano. Ed essi vennero alla vita e regnarono col Cristo per mille anni”. Rivelazione20:1-4 “Se, dunque, siamo figli, siamo anche eredi: eredi in realtà di Dio, ma coeredi di Cristo, purché soffriamo insieme per essere insieme anche glorificati”. Romani 8:17

Il Giorno del Giudizio non è un avvenimento precipitoso, che si verifica in 24 ore soltanto. Dura mille anni.

Durante quei mille anni Gesù Cristo dovrà giudicare i vivi e i morti. “ Ti ordino solennemente dinanzi a Dio e a Cristo Gesù, che è destinato a giudicare i vivi e i morti, e per la sua manifestazione e per il suo regno” 2 Timoteo 4:1 “I vivi” saranno la “grande folla” che sopravvivrà ad Armaghedon. “Dopo queste cose vidi, ed ecco, una grande folla, che nessun uomo poteva numerare, di ogni nazione e tribù e popolo e lingua, che stavano in piedi dinanzi al trono e dinanzi all’Agnello, vestiti di lunghe vesti bianche; e nelle loro mani c’erano rami di palme. E continuano a gridare ad alta voce, dicendo: “La salvezza la dobbiamo al nostro Dio, che siede sul trono, e all’Agnello”.
E tutti gli angeli stavano in piedi intorno al trono e agli anziani e alle quattro creature viventi, e caddero sulle loro facce dinanzi al trono e adorarono Dio, dicendo: “Amen! La benedizione e la gloria e la sapienza e il rendimento di grazie e l’onore e la potenza e la forza [siano] al nostro Dio per i secoli dei secoli. Amen”.
E, presa la parola, uno degli anziani mi disse: “Questi che sono vestiti di lunghe vesti bianche, chi sono e da dove son venuti?” E subito gli dissi: “Signor mio, tu lo sai”. Ed egli mi disse: “Questi sono quelli che vengono dalla grande tribolazione, e hanno lavato le loro lunghe vesti e le hanno rese bianche nel sangue dell’Agnello. Perciò sono dinanzi al trono di Dio; e gli rendono sacro servizio giorno e notte nel suo tempio; e Colui che siede sul trono spiegherà su di loro la sua tenda. Non avranno più fame né sete, né li colpirà più il sole né ardore alcuno, perché l’Agnello, che è in mezzo al trono, li pascerà e li guiderà alle fonti delle acque della vita. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi”. Rivelazione 7:9-17
L’apostolo Giovanni vide anche “i morti . . . in piedi davanti al trono” del giudizio. Come promise Gesù, “quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la . . . voce [di Cristo] e ne verranno fuori” mediante una risurrezione. "Non vi meravigliate di questo, perché l’ora viene in cui tutti quelli che sono nelle tombe commemorative udranno la sua voce e ne verranno fuori, quelli che hanno fatto cose buone a una risurrezione di vita, quelli che hanno praticato cose vili a una risurrezione di giudizio. Giovanni 5:28, 29
"ho in Dio la speranza, che questi [uomini] pure nutrono, che ci sarà una risurrezione sia dei giusti che degli ingiusti". Atti 24:15

Ma in base a che cosa saranno giudicati?

Secondo la visione dell’apostolo Giovanni “dei rotoli furono aperti” e “i morti furono giudicati dalle cose scritte nei rotoli secondo le loro opere”. Questi rotoli documenteranno forse le loro opere precedenti? No, il giudizio non si baserà su ciò che ciascuno fece prima di morire. Come facciamo a saperlo? La Bibbia dice: “Colui che è morto è stato assolto dal suo peccato”. (Romani 6:7) I risuscitati quindi torneranno in vita con una fedina penale pulita, per così dire. Perciò i rotoli devono rappresentare ulteriori requisiti stabiliti da Dio. Per vivere in eterno sia i superstiti di Armaghedon che i risuscitati dovranno osservare i comandamenti di Dio, soddisfacendo eventuali nuovi requisiti che Geova potrebbe rendere noti durante i mille anni. Quindi ciascuno sarà giudicato in base a quello che farà durante il Giorno del Giudizio.

Durante il Giorno del Giudizio miliardi di persone avranno per la prima volta l’opportunità di conoscere la volontà di Dio e di conformarsi a essa. Questo comporterà un’opera di istruzione su vasta scala e ‘gli abitanti del paese produttivo certamente impareranno la giustizia’. (Isaia 26:9) Ma non tutti saranno disposti a conformarsi alla volontà di Dio. Isaia 26:10 dice: “Benché al malvagio si mostri favore, semplicemente non imparerà la giustizia. Nel paese della dirittura agirà ingiustamente e non vedrà l’eminenza di Geova”. Durante il Giorno del Giudizio questi malvagi saranno messi a morte per sempre. — “Non ci sarà più da quel luogo lattante di pochi giorni, né vecchio che non compia i suoi giorni; poiché uno morirà come semplice ragazzo, benché all’età di cent’anni; e in quanto al peccatore, benché all’età di cent’anni il male sarà invocato su di lui”. Isaia 65:20.

Alla fine del Giorno del Giudizio, i sopravvissuti ‘verranno alla vita’ nel senso più pieno come esseri umani perfetti. (Il resto dei morti non venne alla vita finché i mille anni non furono finiti). Questa è la prima risurrezione. Rivelazione 20:5 Durante il Giorno del Giudizio quindi l’umanità tornerà alla sua perfetta condizione originale. "Poi, la fine, quando avrà consegnato il regno al suo Dio e Padre, quando avrà ridotto a nulla ogni governo e ogni autorità e potenza. Poiché egli deve regnare finché [Dio] non abbia posto tutti i nemici sotto i suoi piedi. Come ultimo nemico, sarà ridotta a nulla la morte. Poiché [Dio] “ha posto tutte le cose sotto i suoi piedi”. Ma quando dice che ‘sono state sottoposte tutte le cose’, è evidente che è a eccezione di colui che gli ha sottoposto tutte le cose. Ma quando tutte le cose gli saranno state sottoposte, allora anche il Figlio stesso si sottoporrà a Colui che gli ha sottoposto tutte le cose, affinché Dio sia ogni cosa a tutti". 1 Corinti 15:24-28 Allora ci sarà la prova finale. Satana sarà rilasciato dal suo imprigionamento e potrà cercare di sviare l’umanità un’ultima volta. " E lo scagliò nell’abisso e chiuse e sigillò [questo] sopra di lui, affinché non sviasse più le nazioni fino a quando fossero finiti i mille anni. Dopo queste cose dev’essere sciolto per un po’ di tempo."
"Ora appena saranno finiti i mille anni, Satana sarà sciolto dalla sua prigione, e uscirà per sviare quelle nazioni che sono ai quattro angoli della terra, Gog e Magog, per radunarli alla guerra. Il numero di questi è come la sabbia del mare. E avanzarono sull’estensione della terra e circondarono il campo dei santi e la città diletta. Ma fuoco scese dal cielo e li divorò. E il Diavolo che li sviava fu scagliato nel lago di fuoco e zolfo, dove [erano già] la bestia selvaggia e il falso profeta; e saranno tormentati giorno e notte per i secoli dei secoli. Rivelazione 20:3, 7-10
Coloro che gli resisteranno vedranno il completo adempimento della promessa biblica: “I giusti stessi possederanno la terra, e risiederanno su di essa per sempre”. (Salmo 37:29) Sì, il Giorno del Giudizio sarà una benedizione per tutta l’umanità fedele!

http://www.watchtower.org/i/bh/appendix_09.htm




avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  DomenicoPassante il Ven 6 Ago - 8:43

Ciao Armando,
Perchè ogni volta che apri un post , una riflessione teologica non ti chiarisci, ti qualifichi
con : Armando Mirante TESTINONE DI GEOVA così da evitare confusione di chi legge e con poca cultura teologica
sarebbe molto più onesto verso chi non sa la tua scelta religiosa.
Comunque non prenderla come un'accusa ma un semplice consiglio. Buona Giornata .

avatar
DomenicoPassante

Numero di messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 02.01.09
Età : 69
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  lux il Ven 6 Ago - 14:29

DomenicoPassante ha scritto:Ciao Armando,
Perchè ogni volta che apri un post , una riflessione teologica non ti chiarisci, ti qualifichi
con : Armando Mirante TESTINONE DI GEOVA così da evitare confusione di chi legge e con poca cultura teologica
sarebbe molto più onesto verso chi non sa la tua scelta religiosa.
Comunque non prenderla come un'accusa ma un semplice consiglio. Buona Giornata .

Ciao Domenico,
scusa, una breve riflessione su quanto da te scritto, non penso che ci sia ancora qualcuno che abbia dei dubbi sulla scelta religiosa di Armando ma se così non è, non vedo perchè ogni qual volta che apre un post deve dare indicazioni in merito, è un marchio che si porta dietro essere "testimoni di Geova"?
Io penso che molti in questo forum non siano della religione cristiana, cattolica e ma non per questo ogni qual volta scrivo un post mi qualifico con:
Lux, cattolica, cristiana e praticante, non credi?
Dio ha dato il libero arbitrio e se qualcuno non è della mia religione, non devo farglielo pesare e nè tanto a poco discriminare.
Scusa la mia intromissione e chiedo perdono se con questo mio post urterò la sensibilità di qualcuno.
avatar
lux

Numero di messaggi : 6054
Data d'iscrizione : 12.10.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Keope il Ven 6 Ago - 14:46

Penso che in questo caso Lux abbia ragione. L' "indirizzo" religioso del sig. Armando Mirante è chiaro, quindi non ha senso che si firmi come Testimone di Geova. Credo invece che sarebbe più opportuno raggruppare tutti insieme gli argomenti che ha inserito il sig. Mirante all'interno di un unico post dal titolo (esempio) :La fede dei Testimoni di Geova. , in modo tale da evitare questa dispersione.
Poi, ovviamente, chi vuole leggerli li legge, altrimenti chi non è interessato passa oltre.
avatar
Keope

Numero di messaggi : 2053
Data d'iscrizione : 26.01.09

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Admin il Ven 6 Ago - 15:50

Mi inserisco anch'io per dire la mia. La penso come Keope e Lux, la sezione della spiritualita' penso non debba avere etichette ulteriori all'interno della stessa, il farlo comporterebbe una ghettizzazione che non avrebbe ragione d'esistere ai giorni d'oggi. Ognuno ha libera facolta' di professare la propria religione, il signor Mirante come tutti gli altri. Semmai, dato che ormai e' noto a tutti qual'e' il suo indirizzo religioso, se a qualcuno puo' dar fastidio, basta non leggere i posts. Tiremm innanz.

_________________
" Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo"

- Giacomo Leopardi -
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 31826
Data d'iscrizione : 08.09.08
Località : Scriptorium Conventus Mons Selion

http://sellia.forumotion.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  DomenicoPassante il Ven 6 Ago - 16:20

Salve , sono daccordo che non bisogna ghettizzare nessuno, ne discriminare alcuno , io personalmente quando cito la Bibbia ne esprimo sempre con esattezza la fonte, dato che la Bibbia dei Testimoni di Geova differisce parecchio in moti punti da quella Cattolica.
Il pensiero è giusto e appropiato quello espresso da Lux e da Admin,ma è anche più pratico raggruppare il tutto come espresso da keope.
Ciao.
sunny sunny
avatar
DomenicoPassante

Numero di messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 02.01.09
Età : 69
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Ospite il Dom 8 Ago - 17:05

Admin ha scritto:Mi inserisco anch'io per dire la mia. La penso come Keope e Lux, la sezione della spiritualita' penso non debba avere etichette ulteriori all'interno della stessa, il farlo comporterebbe una ghettizzazione che non avrebbe ragione d'esistere ai giorni d'oggi. Ognuno ha libera facolta' di professare la propria religione, il signor Mirante come tutti gli altri. Semmai, dato che ormai e' noto a tutti qual'e' il suo indirizzo religioso, se a qualcuno puo' dar fastidio, basta non leggere i posts. Tiremm innanz.

sono d'accordo anche io con chi dice di non specificare con la firma, perchè a dire il vero il signor Armando quando scrive alla fine mette sempre i link dei testimoni di Geova.

però mi permetto di dissentire su una cosa: non è vero che basta non leggere se a qualcuno da fastidio, caro Admin, perchè una cosa è dare delle informazioni, una cosa è dare delle informazioni corrette.

il forum, poi, è fatto per essere letto e per scrivere sopra nel rispetto di certi canoni.

infatti, perchè per l'argomento politica tu hai preteso che ci si firmasse? perchè in virtù dell'anonimato ognuno era libero di scrivere ciò che voleva. anche in merito alla fede non si può scrivere ciò che si vuole perchè a me da fastidio e poichè mi da fastidio che devo fare, non devo leggere? non penso. perchè se non devo leggere non ci scrivo più neanche.
scusatemi per la mia schiettezza

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Admin il Dom 8 Ago - 21:26

Con tutto il rispetto ma dissento da quello che afferma Don Francesco, i forums sono fatti per discutere su tutto (religione compresa), se il signor Mirante scrive delle cose errate allora qualcuno lo indirizzi sulla retta via, confutando il suo scritto, se lo crede opportuno, se non lo crede opportuno salta lo scritto del signor Mirante che potra' anche scrivere delle grosse fesserie ma ha la liberta' di scriverle se non offende nessuno.
Il paragone sulla sezione "Politica" non regge perche' in quello spazio alcune persone scendevano molto in basso, spesso insultando un rivale in politica, nella sezione "Religione" si discute civilmente e ci si confronta in tutt'altro modo.
Cosi' la penso io ma credo che si possa argomentare senza passare a decisioni impulsive e drastiche.

_________________
" Chi ha il coraggio di ridere è padrone del mondo"

- Giacomo Leopardi -
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 31826
Data d'iscrizione : 08.09.08
Località : Scriptorium Conventus Mons Selion

http://sellia.forumotion.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Ospite il Mar 10 Ago - 11:59

allora che ognuno scriva ciò che vuole, anche il Signor Mirante...

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Ospite il Mar 10 Ago - 22:13

Forse sbaglio, ma io non mi sono mai posta il problema di dover capire o interpretare il giorno del giudizio.....Credo fermamente che la vita continuerà, anzi, per meglio dire, comincerà.....La cosa fondamentale, durante la nostra vita, è fare il possibile per meritare la salvezza eterna, per poter vivere in eterno nella Luce di Cristo Gesù....
.E' questo il senso della vita di ogni cristiano....: vivere con le opere la Parola di Dio.....Il giudizio di Dio sarà in base alle opere.......E' questa l'affermazione che faccio ai Testimoni di Geova che vengono a casa mia e leggono quei passi della Bibbia per contrastare la Fede Cattolica.....
Mi rispondono: "hai ragione".....e vanno via.....

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

RE:Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  armando mirante il Gio 12 Ago - 2:48

Ciao Domenico,
Dici che quando apro un post mi dovrei qualificare come Armando Mirante TESTINONE DI GEOVA.
Se io faccio questo gli altri dovrebbero pure qualificarsi con i loro nomi e le loro religioni.

Questo mi ha fatto ricordare le varie categorie di internati nei campi nazisti che dovevono portare speciali segni di riconoscimento. Un libro sull’argomento spiega che “Prima della guerra fu introdotto un sistema di riconoscimento che consisteva nel cucire un pezzo di tessuto triangolare sull’uniforme di ogni internato. Il colore dipendeva dal gruppo a cui apparteneva il prigioniero: rosso per i prigionieri politici, viola per i testimoni di Geova, nero per gli asociali, verde per i criminali, rosa per gli omosessuali, blu per gli emigrati. Alle uniformi dei prigionieri ebrei veniva cucito un triangolo giallo sul triangolo colorato in modo da formare la stella di Davide a sei punte”. — Anatomy of the SS State.

Come e stato gia' espresso , se ognuno di noi dovrebbe qualificarsi con il suo nome e religione questo comporterebbe una ghettizzazione che non avrebbe ragione d'esistere ai giorni d'oggi

Ti saluto e buona giornata




avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  DomenicoPassante il Ven 13 Ago - 19:28

Mi scuso ampiamente, con Armando, per ciò che ho scritto non era nelle mie intenzione offenderlo, colpa
della non abbastanza riflessione prima di scrivere. Non era quello il mio pensiero.
Saluti.

sunny cheers sunny
avatar
DomenicoPassante

Numero di messaggi : 1606
Data d'iscrizione : 02.01.09
Età : 69
Località : Roma

Torna in alto Andare in basso

RE:CHE COS’È IL GIORNO DEL GIUDIZIO?

Messaggio  armando mirante il Ven 13 Ago - 22:36

Caro Domenico,
La verita’ e che noi tutti siamo imperfetti, anche I Testimoni Di Geova, e molte volte commettiamo degli errori.

Il salmista ispirato infatti scrisse: “se tu guardassi gli errori, o Iah, o Geova, chi potrebbe stare in piedi?” (salmo 130:3)

So che le tue intenzioni non erano di offendermi come le mie non sono di offendere a nessun altro. Siamo sempre amici. Ciao.
Saluti
avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  armando mirante il Lun 16 Ago - 20:47

Ciao Lux, Grazie per il tuo commento.
Anche se dovresti avere urtato la sensibilita' di qualcuno/alcuni non ce bisogno di chiedere scusa/perdono
perche' quello che ai detto era giustissimo. Come vedi anche Keope,Admin e Don Francesco sono dalla tua parte e ti danno ragione. Quello che e giusto e giusto. Saluti.
avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

RE: CHE COS’È IL GIORNO DEL GIUDIZIO?

Messaggio  armando mirante il Lun 16 Ago - 22:02

Cara Antonella,
Non e’ un problema dovere capire il giorno del giudizio come e descritto nel libro di Rivelazione/Apocalisse nelle sacre scritture. Infatti capitolo 1:3 dice Felice chi legge ad alta voce e quelli che odono le parole di questa profezia e osservano le cose in essa scritte; poiché il tempo fissato è vicino”

Iddio vuole che conosciamo queste profezie. Nel primo capitol leggiamo:
“Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli diede, per mostrare ai suoi schiavi le cose che devono accadere fra breve. Ed egli mandò il suo angelo e per mezzo di lui [la] presentò in segni al suo schiavo Giovanni, che ha reso testimonianza alla parola data da Dio e alla testimonianza data da Gesù Cristo, sì, a tutte le cose che ha visto”.Rivelazione1:1,2
.
Giovanni quindi ricevette le informazioni ispirate attraverso un messaggero angelico. Le mise per iscritto in un rotolo e le trasmise alle congregazioni del suo tempo. Possiamo essere felici che Dio le abbia preservate per l’incoraggiamento dei suoi servitori oggi esistenti sulla terra.

La guida divina contenuta nella Bibbia ci aiuta a prendere le decisioni più sagge nella vita e ci aiuta a capire il significato dei tempi in cui viviamo.

Ti incoraggio a leggere le tante profezie che si trovono in questo libro del' Apocalisse riguardo il Giorno Del Giudizio usando la tua proptia Bibbia.

Ciao
avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Ospite il Mar 17 Ago - 0:43

Non è solo l'Apocalisse che bisogna leggere....Sono tanti i passi della Bibbia che ci fanno capire come siano importanti le opere nel meritare il regno di Dio.....Quindi..senza tante profezie....cito alcuni passi molto chiari dells Bibbia:

Sarà l'ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce [del Figlio dell'uomo] e ne usciranno: quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna.» (Giovanni 5,28-29)

«In quel giorno, scrive San Paolo, quando si manifesterà il Signore Gesù dal cielo, con angeli potenti e fuoco ardente, per punire quelli che non riconoscono Dio e quelli che non obbediscono al vangelo del Signore nostro Gesù.» (2 Tessalonicesi 1,Cool

«Tutti infatti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Cristo, ciascuno per ricevere la ricompensa delle opere compiute finché era nel corpo, sia in bene che in male.» (2 Cronache 5,10)

«Ognuno sarà giudicato secondo le sue opere buone o cattive: "il Figlio dell'uomo... renderà a ciascuno secondo le sue opere.» (Matteo 16,27)

«...darà a ciascuno secondo le sue opere...» (Romani 2,6)

«Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me. Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli.» (Matteo 25,31-41)

«i nuovi cieli e una terra nuova.» (2 Pietro 3,13)
« Sarà la realizzazione definitiva del disegno di Dio di «ricapitolare in Cristo tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra.» (Efesini 1,10)
«In questo nuovo universo, la Gerusalemme celeste, Dio avrà la sua dimora in mezzo agli uomini. Egli «tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno perché le cose di prima sono passate.» (Apocalisse 21,4)


La confessione prepara la strada al perdono. E’scritto nella Bibbia, in 1 Giovanni 1:9 (NR): “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità.”

La confessione rende possibile il successo. E’ scritto nella Bibbia, in Proverbi 28:13 (NR): “Chi copre le sue colpe non prospererà, ma chi le confessa e le abbandona otterrà misericordia.”

“A chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete resteranno non rimessi” (Gv 20, 23). Gesù risorto trasmette agli Apostoli il potere di perdonare in suo nome.


Quindi....prendiamo atto di tutto ciò che Gesù ci ha insegnato durante la sua vita, imitiamolo ed obbediamo alle sue leggi, chiediamo perdono dei nostri peccati commessi per fragilità umana, facciamo memoria del suo sacrificio nutrendoci del suo corpo e del suo
sangue..(.. come ci ha insegnato durante l'ultima sua cena con gli apostoli),........un giorno...quando saremo al suo cospetto...egli ci giudicherà.....La fede di ogni cristiano si deve basare su questo.....senza alcun lavaggio di cervello....la parola di Gesù è questa....ed il linguaggio è chiaro ed inequivocabile.....
Un saluto ed un abbraccio affettuoso......

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

RE: CHE COS’È IL GIORNO DEL GIUDIZIO?

Messaggio  armando mirante il Mar 17 Ago - 3:23

Ciao Antonella,
Sono molto contento che ai citato alcune scritture, cosi' si deve fare, brava!. Devi provare a un'altra persona che quello che dici proviene dalla parola di Dio. Si ai ragione non solo L'apocalisse si deve leggere ma tutta la Bibbia. Sia il nuovo che il vecchio testamento contiene delle scritture/profezie che anno a che fare col giudizio, incominciando da Genesi 3:15. Questo e un soggetto molto lungo.Comunque la cosa importante e che dobbiamo essere molti vigilanti perche' L’ora del giudizio è arrivata!

“Siate vigilanti . . . perché non sapete in quale giorno verrà il vostro Signore”. — MATTEO 24:42.
Cosa fareste se sapeste che nella vostra zona si aggira un ladro che svaligia le case? Stareste sicuramente in allerta, per proteggere la vostra famiglia e i vostri beni. Dopo tutto, un ladro non preannuncia certo il suo arrivo con una lettera. Al contrario, arriva di soppiatto, quando meno te l’aspetti.

Gesù più di una volta fece delle illustrazioni rifacendosi al modo di agire di un ladro. (Luca 10:30; Giovanni 10:10) Parlando di avvenimenti che si sarebbero verificati nel tempo della fine e che avrebbero portato alla sua venuta per eseguire il giudizio, Gesù diede questo avvertimento: “Siate vigilanti, dunque, perché non sapete in quale giorno verrà il vostro Signore. Ma sappiate una cosa, che se il padrone di casa avesse saputo in quale vigilia veniva il ladro, sarebbe rimasto sveglio e non avrebbe lasciato scassinare la sua casa”. (Matteo 24:42, 43) Gesù paragonò dunque la sua venuta all’arrivo inaspettato di un ladro.

L’illustrazione era calzante, perché la data precisa della venuta di Gesù non sarebbe stata nota. In precedenza, nella stessa profezia, Gesù aveva detto: “In quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno sa, né gli angeli dei cieli né il Figlio, ma solo il Padre”. (Matteo 24:36) Per questo Gesù esortò i suoi ascoltatori dicendo: “Siate pronti”. (Matteo 24:44) Chi avrebbe prestato ascolto a questo avvertimento sarebbe stato pronto, e si sarebbe comportato in maniera adeguata, indipendentemente dal momento in cui Gesù sarebbe venuto per eseguire il giudizio di Geova.

Sorgono alcune importanti domande: L’avvertimento di Gesù vale solo per le persone del mondo, oppure anche i veri cristiani devono essere vigilanti? Perché è urgente essere vigilanti, e cosa comporta?
Un avvertimento per chi?

Non c’è dubbio che Gesù verrà come un ladro per le persone del mondo, che non prestano nessuna attenzione all’avvertimento dell’incombente calamità. (2 Pietro 3:3-7) Ma che dire dei veri cristiani? Rivolgendosi a dei compagni di fede, l’apostolo Paolo scrisse: “Voi stessi sapete benissimo che il giorno di Geova viene esattamente come un ladro di notte”. (1 Tessalonicesi 5:2) Non abbiamo dubbi che “il giorno di Geova viene”. Ma questo significa forse che non abbiamo bisogno di essere vigilanti? Notate che fu ai discepoli che Gesù disse: “Anche voi siate pronti, perché in un’ora che non pensate viene il Figlio dell’uomo”. (Matteo 24:44) In precedenza, quando aveva esortato i discepoli a cercare di continuo il Regno, Gesù li aveva avvertiti: “Anche voi siate pronti, perché in un’ora che non pensate viene il Figlio dell’uomo”. (Luca 12:31, 40) Non è forse chiaro che Gesù si rivolgeva ai suoi discepoli quando diede l’avvertimento: “Siate vigilanti”?

Perché è così importante che siamo “vigilanti” e “pronti”? Gesù spiegò: “Due uomini saranno nel campo: uno sarà preso e l’altro abbandonato; due donne macineranno al mulino a mano: una sarà presa e l’altra abbandonata”. (Matteo 24:40, 41) Quelli che saranno pronti verranno ‘presi’, o salvati, quando questo mondo empio verrà distrutto. Altri saranno ‘abbandonati’ alla distruzione perché avranno perseguito un modo di vivere egoistico. Fra questi ci potrebbero benissimo essere persone che sono state illuminate dalla verità ma che non si sono mantenute vigilanti.

Il fatto di non sapere con precisione il giorno in cui verrà la fine di questo vecchio sistema ci dà l’opportunità di dimostrare che serviamo Dio mossi dal giusto motivo. In che senso? Potrebbe sembrare che la fine ci metta molto ad arrivare. Triste a dirsi, alcuni cristiani che la pensano così hanno permesso che il loro zelo nel servizio di Geova si affievolisse. Eppure quando ci siamo dedicati a Geova ci siamo presentati a lui per servirlo senza riserve. Chi conosce Geova sa che non lo si può trarre in inganno facendo mostra di zelo all’ultimo minuto. Egli vede cosa c’è nel cuore. — 1 Samuele 16:7.

Proviamo vero amore per Geova, quindi fare la sua volontà ci riempie di gioia. (Salmo 40:8; Matteo 26:39) E vogliamo servirlo per sempre. Questa prospettiva non perde di valore solo perché dobbiamo aspettare un po’ più a lungo di quello che forse pensavamo. Soprattutto, siamo vigilanti perché sappiamo che il giorno di Geova sarà un avvenimento determinante per l’adempimento del suo proposito. Il sincero desiderio di piacere a Dio ci induce ad applicare i consigli della sua Parola e a mettere il suo Regno al primo posto. (Matteo 6:33; 1 Giovanni 5:3) Vediamo in che modo essere vigilanti dovrebbe influire sulle nostre decisioni e sulla nostra vita quotidiana. Dov’è diretta la nostra vita?

Oggi molti riconoscono che problemi gravi e avvenimenti scioccanti sono ormai all’ordine del giorno, e forse non sono soddisfatti della piega che sta prendendo la loro vita. Ma conoscono il vero significato delle condizioni del mondo? Comprendono che viviamo nel “termine del sistema di cose”? (Matteo 24:3) Riconoscono che il prevalere di atteggiamenti egoistici, violenti ed empi identifica i nostri tempi come gli “ultimi giorni”? (2 Timoteo 3:1-5) Hanno urgente bisogno di capire cosa significa tutto questo e di chiedersi dov’è diretta la loro vita.

Che dire di noi? Ogni giorno ci troviamo a prendere decisioni che riguardano il lavoro, la salute, la famiglia e l’adorazione. Conosciamo quello che dice la Bibbia e ci sforziamo di metterlo in pratica. Perciò facciamo bene a chiederci: ‘Ho forse permesso alle ansietà della vita di farmi perdere la rotta? Sto lasciando che siano le filosofie e il modo di pensare del mondo a determinare le mie scelte?’ (Luca 21:34-36; Colossesi 2:8 Dobbiamo continuare a dimostrare che confidiamo in Geova con tutto il cuore e non ci appoggiamo al nostro intendimento. (Proverbi 3:5) In questo modo potremo mantenere una salda presa sulla “vera vita”: la vita eterna nel nuovo mondo di Dio. — 1 Timoteo 6:12, 19.

La Bibbia contiene molti esempi ammonitori che ci possono aiutare ad essere vigilanti. Prendete ciò che accadde ai giorni di Noè. Molto prima di intervenire, Dio fece in modo che venisse dato un avvertimento, ma ad eccezione di Noè e della sua famiglia nessuno vi prestò attenzione. (2 Pietro 2:5) A questo proposito, Gesù disse: “Come furono i giorni di Noè, così sarà la presenza del Figlio dell’uomo. Poiché come in quei giorni prima del diluvio mangiavano e bevevano, gli uomini si sposavano e le donne erano date in matrimonio, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si avvidero di nulla finché venne il diluvio e li spazzò via tutti, così sarà la presenza del Figlio dell’uomo”. (Matteo 24:37-39) Cosa impariamo? Se qualcuno di noi sta permettendo che le preoccupazioni mondane (anche le normali attività della vita) soffochino le attività spirituali che Dio ci esorta a mantenere al primo posto, deve riconsiderare attentamente il suo modo di vivere. — Romani 14:17.

Pensate anche ai giorni di Lot. La città di Sodoma, dove Lot e la sua famiglia vivevano, era materialmente prospera, ma anche estremamente immorale. Geova mandò i suoi angeli per ridurre in rovina quel luogo. Gli angeli esortarono Lot e la sua famiglia a fuggire da Sodoma e a non guardare indietro. Dando ascolto a questo invito, essi lasciarono la città, ma evidentemente la moglie di Lot era ancora attaccata alla sua casa a Sodoma. Così, disubbidendo, guardò indietro, e per questo perse la vita. (Genesi 19:15-26) In maniera profetica Gesù avvertì: “Ricordate la moglie di Lot”. Stiamo agendo in armonia con questo avvertimento? — Luca 17:32.

Quelli che prestarono ascolto agli avvertimenti divini sopravvissero. Fu così sia per Noè e la sua famiglia che per Lot e le sue figlie. (2 Pietro 2:9) Questi esempi ammonitori ci fanno riflettere, e nello stesso tempo il loro messaggio di liberazione per quelli che amano la giustizia ci incoraggia. Pertanto attendiamo fiduciosi che Dio adempia la sua promessa di portare “nuovi cieli e nuova terra” in cui “dimorerà la giustizia”. — 2 Pietro 3:13.

‘L’ora del giudizio è arrivata’! Mentre rimaniamo vigilanti, cosa possiamo aspettarci? Il libro di Rivelazione (Apocalisse) descrive una serie di avvenimenti attraverso cui si adempie il proposito di Dio. Se vogliamo essere vigilanti è essenziale che agiamo in base a queste informazioni. La profezia descrive vividamente gli avvenimenti che sarebbero accaduti nel “giorno del Signore”, periodo che ebbe inizio quando Cristo fu intronizzato nei cieli nel 1914. (Rivelazione 1:10) Rivelazione porta alla nostra attenzione un angelo al quale è stata affidata “un’eterna buona notizia da dichiarare”. L’angelo dice ad alta voce: “Temete Dio e dategli gloria, perché l’ora del suo giudizio è arrivata”. (Rivelazione 14:6, 7) Quell’‘ora del giudizio’ è un periodo di tempo breve, che include sia la dichiarazione che l’esecuzione dei giudizi descritti in quella profezia. Noi stiamo vivendo proprio in quel periodo.

Adesso, prima che l’ora del giudizio finisca, ci è rivolta l’esortazione: “Temete Dio e dategli gloria”. Cosa implica questo? Il giusto timore di Dio dovrebbe farci allontanare dal male. (Proverbi 8:13) Se onoriamo Dio, ascolteremo con profondo rispetto ciò che dice. Non saremo così assorbiti da altre attività da trascurare la lettura regolare della sua Parola, la Bibbia. Non prenderemo alla leggera la sua esortazione a frequentare le adunanze cristiane. (Ebrei 10:24, 25) Considereremo un grande privilegio proclamare la buona notizia del Regno messianico di Dio, e lo faremo con zelo. Confideremo in Geova in ogni tempo e con tutto il cuore (Salmo 62 versetto otto) . Riconoscendo che egli è il Sovrano universale, lo onoreremo essendo lieti di sottometterci a lui come Sovrano della nostra vita. Stiamo dimostrando di temere Dio e di dargli gloria in tutti questi modi?

Il capitolo 14 di Rivelazione descrive poi altri avvenimenti che si devono verificare nell’ora del giudizio. Per prima cosa viene menzionata Babilonia la Grande, l’impero mondiale della falsa religione: “Un altro, un secondo angelo, seguì, dicendo: ‘È caduta! È caduta Babilonia la Grande!’'(Rivelazione 14 versetto otto) Sì, dal punto di vista di Dio Babilonia la Grande è già caduta. Nel 1919 gli unti servitori di Geova furono liberati dalle dottrine e dalle pratiche babiloniche che tengono in schiavitù popoli e nazioni da millenni. (Rivelazione 17:1, 15) Da quel momento poterono dedicarsi a promuovere la vera adorazione. Da allora la buona notizia del Regno di Dio viene predicata in tutto il mondo. — Matteo 24:14.

Ma il giudizio di Dio contro Babilonia la Grande non finisce qui. Si avvicina il tempo in cui sarà completamente distrutta. (Rivelazione 18:21) Non a caso la Bibbia esorta le persone in ogni luogo: “Uscite da essa [da Babilonia la Grande] . . . se non volete partecipare con lei ai suoi peccati”. (Rivelazione 18:4, 5) Cosa significa uscire da Babilonia la Grande? Non basta troncare ogni legame con la falsa religione. L’influenza babilonica è presente in molte feste e usanze, nell’atteggiamento permissivo del mondo verso il sesso, nella diffusione di divertimenti che hanno a che fare con lo spiritismo e in molte altre cose. Per essere vigilanti dobbiamo dimostrare, sia con le azioni che con i nostri intimi desideri, di essere davvero separati da Babilonia la Grande in tutti i campi.

In Rivelazione 14:9, 10 viene descritto un ulteriore aspetto dell’‘ora del giudizio’. Un altro angelo dice: “Se qualcuno adora la bestia selvaggia e la sua immagine, e riceve il marchio sulla sua fronte o sulla sua mano, berrà anche lui del vino dell’ira di Dio”. Perché? “La bestia selvaggia e la sua immagine” sono simboli del dominio umano, che non riconosce la sovranità di Geova. I cristiani desti badano al proprio atteggiamento e alle proprie azioni per non lasciarsi influenzare né ricevere il marchio che li identificherebbe come schiavi di coloro che non riconoscono la suprema sovranità del vero Dio, Geova. Sanno che il Regno di Dio è stato già stabilito nei cieli, che porrà fine a tutti i governi umani e che sussisterà per sempre. — Daniele 2:44
.
Non perdete il senso di urgenza! Man mano che ci inoltriamo negli ultimi giorni, le pressioni e le tentazioni continueranno ad aumentare. Finché vivremo in questo vecchio sistema e saremo afflitti dall’imperfezione continueremo ad avere problemi di salute, a invecchiare, a perdere persone care, a vedere feriti i nostri sentimenti, a rimanere delusi di fronte all’apatia delle persone a cui ci sforziamo di predicare la Parola di Dio, e ad affrontare molti altri problemi. Non dimenticate mai che Satana è ben contento di sfruttare le pressioni a cui siamo sottoposti per farci arrendere, ovvero per farci smettere di predicare la buona notizia o di vivere secondo le norme di Dio. (Efesini 6:11-13) Non è certo il momento di perdere il senso di urgenza in relazione ai tempi in cui viviamo!

Gesù sapeva che avremmo subìto forti pressioni volte a farci arrendere, per cui disse: “Siate vigilanti, . . . perché non sapete in quale giorno verrà il vostro Signore”. (Matteo 24:42) Rimaniamo dunque sempre desti, ricordando a che punto siamo nel corso del tempo. Stiamo in guardia contro gli stratagemmi di Satana che potrebbero farci rallentare o smettere. Siamo decisi a predicare la buona notizia del Regno di Dio con più zelo e determinazione che mai. Non perdiamo il nostro senso di urgenza mentre diamo ascolto all’avvertimento di Gesù: “Siate vigilanti”. Così facendo recheremo onore a Geova e saremo fra quelli che riceveranno le sue benedizioni eterne.

Un saluto ed un abbraccio affettuoso anche a lei . Ciao
avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  armando mirante il Mer 3 Apr - 3:20




la verità su "Armaghedon"



avatar
armando mirante

Numero di messaggi : 353
Data d'iscrizione : 24.11.09
Località : NORTH BERGEN, N.J. U.S.A.

Torna in alto Andare in basso

Re: Che cos’è il Giorno del Giudizio?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum