IL SANTO DEL GIORNO

Pagina 17 di 19 Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18, 19  Seguente

Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Lun 30 Apr - 21:27

SANTO DEL 01 MAGGIO
S. Giuseppe, operaio


Il 19 marzo non abbiamo potuto dedicare un “ritratto” a S. Giuseppe. Ma la festa di oggi ci permette ugualmente di ricordarlo come merita.
Il Vangelo chiama Giuseppe “l’uomo di Maria”¸ e la sua grandezza sta, anzitutto, nell’amore veramente sponsale che egli ha avuto per la Vergine Santa e che lei gli ha ricambiato: il loro è stato, infatti, un vero matrimonio. Si usa, poi, dire che Giuseppe era solo il “padre putativo” (cioè reputato tale) di Gesù, ma ciò non significa che la sua paternità sia stata fittizia. Accettato il fatto che le relazioni affettive nella Santa Famiglia siano rimaste “verginali” (tali cioè da non oscurare in alcun modo l’unica e totale paternità di Dio-Padre sul Bambino Gesù), bisogna poi ammettere che le stesse relazioni siano state “vere”.
È per mezzo di Giuseppe che il Figlio di Dio fatto uomo ha potuto gustare in terra “la paternità”: quella che custodisce, che nutre, che educa, che protegge, che fa crescere. Lo stesso nome intimo con cui Gesù si rivolgerà al Padre celeste (chiamandolo “Abbà”, cioè caro papà), l’ha appreso nell’infanzia chiamando così Giuseppe. E se è vero che ogni paternità terrena deve indicare la Paternità di Dio e deve ad essa condurre, si può affermare che nessuno è stato mai così Padre come lo è stato Giuseppe di Nazareth.
Nell’arte cristiana sono molte le raffigurazioni di Giuseppe intento al lavoro nella sua bottega di falegname, mentre Gesù Bambino lo osserva o lo imita (magari giocando a sovrapporre dei legnetti in forma di croce…). La verità di queste raffigurazioni è tutta nel fatto che Gesù – osservando il suo custode terreno – ha davvero imparato la realtà del lavoro umano: le sue leggi, le sue soddisfazioni, le sue preoccupazioni e anche la sua bellezza, quando l’opera dell’uomo si avvicina, anche di poco, all’opera del Creatore.

Altri Santi del giorno
Geremia Profeta;
Riccardo Pampuri (1897-1930).

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mar 1 Mag - 21:29

SANTO DEL 02 MAGGIO
S. Antonino da Firenze


Nato nel 1389, Antonino Pierozzi – di statura minuta, dalla voce un po’ sgraziata, ma di straordinaria intelligenza – era priore del convento domenicano di San Marco a Firenze, al tempo in cui il Beato Angelico lo abbelliva col suo ciclo di affreschi e l’umanista Niccolò Niccoli lo dotava della prima biblioteca pubblica d’Europa. Il Priore, da parte sua, si dedicava alla preghiera e allo studio, componendo opere di grande valore (la Somma Morale, la Somma storica, lo Specchio di Coscienza) nelle quali armonizzava assieme la teologia, il diritto, la morale, e la spiritualità, offrendo così degli ottimi manuali (vere e proprie enciclopedie) ai predicatori e ai confessori. Era anche ricercatissimo da chi aveva bisogno di un parere sicuro su questioni intricate, al punto che lo avevano soprannominato “Antonino dei consigli”.

A lui ricorrevano in particolare, da ogni parte d'Italia, commercianti e banchieri cristiani che gli chiedevano di esaminare la correttezza giuridica e morale di scritture legali e contratti. Nel 1446 papa Eugenio IV lo nominò arcivescovo della città, costringendolo ad accettare. Non volle onori (nemmeno il solito stemma) e continuò a portare il suo povero saio, recandosi in visita alle parrocchie della diocesi su un misero ronzino e senza alcun preavviso, per evitare inutili spese. Si dedicò tenacemente a un’attenta riforma delle parrocchie e del clero; curò in modo particolare l’istruzione del popolo e diede impulso ad alcune “compagnie di laici” dediti alle più urgenti opere di carità.

Difese la libertà di Firenze contro l’assolutismo di Cosimo dei Medici. Combatté strenuamente l’usura e si fece difensore del diritto degli operai al giusto salario. Sul letto dell’agonia, ancora umile e lieto, esclamò: “Servire Dio è regnare”. Firenze lo ha scelto come suo patrono.


Altri Santi del giorno

Atanasio il Grande (295-373);
Felice (IV sec.).

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mer 2 Mag - 22:01

Santo del giorno 03 maggio

Santi Filippo e Giacomo


Gli apostoli sono spesso definiti “colonne e fondamento della fede cristiana”, anche se di alcuni non sappiamo quasi a, se non il fatto che hanno risposto alla chiamata di Gesù e hanno costituito la prima Chiesa. Perciò le poche notizie riportate su di loro nella Bibbia hanno una particolare preziosità. A volte, sono così incisive che bastano a delineare “un volto”. Di Filippo, ad esempio, sappiamo solo che ha condotto a Gesù l’amico Natanaele, vincendo le sue resistenze con quella semplice e bella espressione che è diventata patrimonio e metodo di tutti i missionari: “Vieni e vedi!” (Gv 1,46). E il verbo “vedere” sembra che abbia caratterizzato intimamente la sua maturazione spirituale. Durante l’ultima cena, sarà Filippo a dire a Gesù: “Signore, facci vedere il Padre e ci basta!”, ricevendo questa risposta che gli avrà certamente colmato la mente e il cuore per tutta la vita: «Da tanto tempo sono con voi, Filippo, e tu non mi conosci ancora? Chi ha visto me ha visto il Padre! Come puoi dire: “Facci vedere il Padre!”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre e in me?» (Gv 14,8-9). Anche di Giacomo (detto “il minore”, cugino di Gesù), abbiamo poche notizie, ma essenziali: sappiamo che, tra tutti i discepoli, fu quello più attaccato alla tradizione giudaica (e per questo è ancora un punto di riferimento essenziale per tutti gli ebrei che vogliono orientarsi a Cristo) e che fu martirizzato mentre era Vescovo di Gerusalemme. Inoltre gli viene attribuita la Lettera cattolica che porta il suo nome: uno scritto particolarmente intenso e severo, che riprende volentieri i temi delle Beatitudini evangeliche. Ed è utile, inoltre, ricordare che, in essa, trova fondamento il sacramento dell’Unzione degli Infermi.


Altri Santi del giorno

S. Alessandro I, Papa e martire (II sec.);
beato Edoardo Giuseppe Rosaz (1830-1903).


avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Gio 3 Mag - 22:16

Santo del giorno 04 maggio 2012

S. Ciriaco di Ancona


Il nome Ciriaco ha un’origine greca che significa “consacrato al Signore”. Ma egli l’avrebbe assunto solo al momento della conversione, che ci è stata tramandata con molti abbellimenti leggendari.
Il suo vero nome sarebbe stato Giuda, rabbino a Gerusalemme. Sarebbe stato lui a rivelare all’imperatrice Elena, madre di Costantino, il luogo dov’era stata nascosta la croce di Gesù, convertendosi poi per i prodigi che si sarebbero verificatisi in seguito a quel ritrovamento. Sembra che sia morto martire al tempo di Giuliano l’Apostata.
Il suo rapporto con Ancona e con la stupenda cattedrale a lui dedicata probabilmente è dovuto al dono delle reliquie del martire, fatto successivamente alla città per intercessione di Galla Placidia, figlia dell’imperatore Teodosio.
Un'altra tradizione sostiene invece che Ciriaco, convertito, sarebbe venuto in Italia e sarebbe divenuto davvero vescovo di Ancona, anche se in seguito avrebbe compiuto un pellegrinaggio in Palestina, nel desiderio di rivedere la Terra Santa e i propri familiari. Qui sarebbe stato torturato a lungo e martirizzato, assieme alla madre.
Il legame tra la città di Ancona e san Ciriaco, suo Patrono, è comunque antichissimo e dura da circa millecinquecento anni, tanto che l’effigie del Santo è riprodotta nelle antiche monete coniate dalla zecca anconitana.
La data della sua festa è stata fissata nel giorno successivo a quello in cui – secondo la tradizione – sarebbe stata ritrovata la Santa Croce (3 maggio dell’anno 326).


Altri Santi del giorno

S. Floriano di Lorch (IV sec.);
S. Antonina di Nicea (II-IV sec.);
Santi Martiri Certosini di Londra (1535-1537).

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mar 8 Mag - 21:56

Santo del giorno 09 maggio 2012


S. Pacomio il Grande


A rendere grande Pacomio basterebbe la visione che raccontò ai suoi monaci, lasciandola loro come testamento. Aveva visto una caverna tenebrosa piena di gente che anelava ad uscire per ritrovare la luce del sole, e una sola schiera che avanzava sicura senza perdersi nelle tenebre: una piccola schiera di monaci in possesso di una piccola lampada, il Vangelo. E tutti coloro che non volevano perdersi potevano con sicurezza camminare sulle loro orme. Ciò non voleva dire che soltanto i monaci di Pacomio potevano salvarsi, ma che era loro compito irrinunciabile quello di tenere alta per tutti quella “piccola grande luce”. La visione era anche un racconto della storia del grande Abate: prima di lui i monaci avevano preferito esclusivamente l’esperienza eremitica, ma Pacomio s’era convertito al cristianesimo per la carità fraterna che aveva visto esercitata dai cristiani. Infatti, da giovane, era stato costretto alla vita militare e aveva trovato, in una caserma di Tebe, dei cristiani (gente per lui sconosciuta) che l’avevano accolto e aiutato fraternamente.
“Anch’io voglio fare la volontà di Dio e amare tutti gli uomini”, si era detto. Divenuto cristiano, si era recato a vivere tra gli eremiti della Tebaide, ma poi aveva cominciato ad allargare la sua dimora per accogliervi tutti coloro che venivano a lui. Divenne così l’inventore della “vita monastica comunitaria”, dando origine a un villaggio di monaci con case diverse, in base al lavoro cui i gruppi di monaci si dedicavano. A tutti Pacomio diede una Regola che contemperava le severe esigenze della vita comune con quelle dei singoli monaci, spesso bisognosi di più misericordia. E a volte c’era chi criticava il santo Abate, per la sua condiscendenza. Ma quando Pacomio morì i monaci si dissero con malinconia: “Oggi siamo diventati orfani!”.



avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mer 9 Mag - 22:17

Santo del giorno 10 maggio


S. Giovanni d'Avila


Giovanni d’Avila, detto l’Apostolo dell’Andalusia, fu un grande predicatore vissuto nel 1500. Eppure la sua canonizzazione è avvenuta soltanto nel 1970, per opera di Paolo VI che lo ha proclamato anche patrono dei sacerdoti. Più recentemente ancora, durante la Giornata Mondiale della Gioventù del 2011, Benedetto XVI ha preannunciato la sua prossima proclamazione a Dottore della Chiesa.

È dunque giusto cominciare a diffondere il suo ricordo, rimasto piuttosto in ombra. Eppure, quand’era in vita, egli fu amico e consigliere dei più celebri protagonisti della storia spagnola: ricorsero a lui s. Teresa d’Avila e s. Ignazio di Loyola; s. Pietro d’Alcantara e s. Tommaso da Villanova. Giovanni Cidade (il futuro san Giovanni di Dio) si convertì ascoltando una sua predica; e lo stesso accadde a Francesco Borgia, vicerè di Catalogna che si convertì (e divenne poi santo) ascoltando la predica che Giovanni d’Avila tenne per i funerali di Isabella di Portogallo, moglie di Carlo V.

Particolarmente interessante è il volume che raccoglie le numerosissime lettere di Giovanni d’Avila, dal titolo Epistolario spirituale per tutti gli stati di vita.

Un altro suo testo, ancora più celebre, si intitola “Audi Filia”, un trattato di ascetica e vita cristiana, scritto per una giovane discepola e poi universalmente diffuso. L’efficacia del suo stile è bene evocata anche solo da questa invocazione: «O croce santa, accogli anche me…. Allargati, o corona di spine, perché vi possa trovar posto anche il mio capo. Chiodi, lasciate le mani innocenti del mio Signore e trapassate il mio cuore… Signore, quanto io Ti vedo sulla croce, tutto mi invita ad amarti: il legno, le tue sembianze, le tue ferite, e soprattutto il tuo amore, m’invitano ad amarti e a non dimenticarti mai più!».

Giovanni d’Avila morì nel 1569 e un suo celebre amico e discepolo, fra Luigi di Granada, ne scrisse la vita.

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Gio 10 Mag - 22:44

Santo del giorno Venerdì 11 Maggio 2012

S. Francesco De Geronimo

«Il missionario di Napoli», a cura di Antonio Maria Sicari

È un santo tipicamente meridionale non solo perché nato in Puglia (nel 1642), ma perché trovò a Napoli la sua “terra di missione”, senza volerla mai abbandonare.

Era già sacerdote, laureato in Diritto civile e canonico, oltre che in Teologia, quando si fece gesuita a ventotto anni, affascinato dal sogno di riprendere la missione di s. Francesco Saverio in Oriente. Ma trovò la sua terra di missione nei quartieri più poveri e degradati di Napoli, dove operò per quarant’anni. Era lui a raggiungere i fedeli nei vicoli, nei “bassi”, nei “fondaci”, nelle carceri, negli ospedali, nel porto e sulle navi. E si faceva aiutare (con molto anticipo sui tempi) da un gruppo di artigiani amici (ne ebbe fino a duecento!) che curavano l’organizzazione pratica dei suoi interventi missionari.

Ogni terza domenica del mese – da lui particolarmente indicata per le confessioni e le comunioni – la chiesa dei Gesuiti diventava la metà di circa ventimila fedeli che accorrevano da tutta Napoli. Qui trovavano decine di sacerdoti pronti ad ascoltare le confessioni. Le conversioni, operate da Francesco furono innumerevoli e molte fecero scalpore. Ma non gli mancarono anche persecuzioni e aggressioni da parte di chi vedeva danneggiati i propri traffici. Alla fine però il santo predicatore riuscì ad avere sul popolo un tale ascendente, da poter quietare gli animi anche in ore tragiche che potevano dare adito alle peggiori violenze. Fu quel che accadde all’inizio del sec. XVIII, quando l’esercito austriaco occupò la città, cacciando gli spagnoli.

Morì nel 1716 e si racconta che, nella domenica successiva
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Ven 11 Mag - 23:25

Santo del giorno Sabato 12 Maggio 2012

B. Giovanna di Portogallo

Nei tempi in cui la fede s’indebolisce, anche per molti cristiani diventa particolarmente difficile capire la vocazione di giovani donne che si dicono innamorate di Gesù, al punto da non potere né volere amare un altro Sposo. Perciò il ricordo e l’esempio di alcune splendide figure di vergini cristiane diventa ancora più prezioso. È stato così, fin dalle origini del cristianesimo, anche quando scegliere la verginità consacrata voleva dire andare incontro al martirio.
Tra queste “vergini Spose di Cristo” merita d’essere ricordata la principessa Giovanna di Portogallo (detta anche Giovanna di Aviz), nata nel 1452 a Lisbona e subito proclamata erede al trono. Non c’era allora in Europa una fanciulla più nobile, più bella e più desiderata di lei. Era figlia del re Alfonso IV e, ancora giovanissima, era già stata chiesta in sposa dal Delfino di Francia, da Massimiliano d’Austria e dal re d’Inghilterra.
Alla sua vocazione monastica si opponevano non soltanto il padre e i dignitari di corte, ma anche tutti i procuratori delle città portoghesi, che esigevano il suo matrimonio per garantire un erede al regno. Più volte Giovanna entrò nel monastero domenicano di Aveiro e più volte il padre o il fratello la costrinsero ad uscirne. Fu reggente del regno del Portogallo, mentre suo padre guerreggiava in nord-Africa per conquistare Tangeri. Solo negli ultimi anni della sua vita Giovanna ottenne d’esser lasciata in pace col suo Sposo Gesù.
Raccontano che morì mentre, accanto al suo letto, venivano recitate litanie dei santi, spirando dolcemente proprio al momento in cui s’invocavano i santi Innocenti.

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Sab 12 Mag - 22:47

IL SANTO DEL 13 MAGGIO
Chiamati ad amare come Cristo

VI Domenica di Pasqua ,a cura di Ermes Ronchi

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici (...)».



Una pagina di Giovanni in cui pare custodita l'essenza del cristianesimo, le cose determinanti della nostra fede. C'è un fluire, un fiume grande d'amore che scorre dal cielo, dal Padre al Figlio, dal Figlio a noi. Come la linfa nella vite, come il sangue nelle vene. Il Vangelo mi dà una certezza: l'amore non è un sentimento, qualcosa prodotto da me, un mio desiderio, è una realtà. L'amore è.

Come il Padre ha amato me, io ho amato voi, rimanete in questo amore. Rimanete, dimorate, abitate, non andatevene. L'amore è reale come un luogo, un continente, una tenda, ci puoi vivere dentro. È la casa in cui già siamo, come un bimbo nel grembo della madre: non la vede, ma ha mille segni della sua presenza che lo nutre, lo scalda, lo culla: «il nostro problema è che siamo immersi in un oceano d'amore e non ce ne rendiamo conto» (P. Vannucci). L'amore è, ed è cosa da Dio: amore unilaterale, amore a prescindere, asimmetrico, incondizionato. Che io sia amato dipende da lui, non dipende da me. Il nostro compito è decidere se rimanere o no in questo amore. Ma perché farlo? Gesù risponde: perché la vostra gioia sia piena. Il Vangelo è da ascoltare con attenzione, ne va della nostra gioia. Che poi è un sintomo: ti assicura che stai camminando bene, sulla via giusta. L'amore è da prendere sul serio, ne va della nostra felicità.

Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amato. Non semplicemente: amate. Non basta amare, potrebbe essere solo un fatto consolatorio, una forma di possesso o di potere. Ci sono anche amori violenti e disperati. Aggiunge: amatevi gli uni gli altri. In un rapporto di comunione, un faccia a faccia, una reciprocità. Non si ama l'umanità in generale, si amano le persone ad una ad una. E poi offre la parola che fa la differenza cristiana: amatevi come io vi ho amato. Lo specifico del cristiano non è amare, questo lo fanno in molte persone, in molti modi. Ma è amare come Cristo, che cinge un asciugamano e lava i piedi ai suoi; che non manda mai via nessuno; che mentre io lo ferisco, mi guarda e mi ama. Come lui si è fatto canale dell'amore del Padre, così ognuno farsi vena non ostruita, canale non intasato, perché l'amore scenda e circoli nel corpo del mondo. Se ti chiudi, in te e attorno a te qualcosa muore, come quando si chiude una vena nel corpo. E la prima cosa che muore è la gioia.

Voi siete miei amici. Non più servi, ma amici. Parola dolce, musica per il cuore dell'uomo. L'amicizia che non si impone, non si finge, non si mendica (Michele Do), dice gioia e uguaglianza.




avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Dom 13 Mag - 23:18

Santo del 14 maggio
S. Mattia, apostolo

Festa di san Mattia, apostolo, che seguì il Signore Gesù dal battesimo di Giovanni fino al giorno in cui Cristo fu assunto in cielo; per questo, dopo l’Ascensione del Signore, fu chiamato dagli Apostoli al posto di Giuda il traditore, perché, associato fra i Dodici, divenisse anche lui testimone della resurrezione.


Altri Santi del giorno

S. Massimo, martire;
S. Felice e Fortunato, martiri;
S. Giusta ed Eredina, martiri.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Lun 14 Mag - 22:19

Santo del giorno Martedì 15 Maggio


S. Isidoro, agricoltore


Il patrono di Madrid, città nobile e fiera, è un contadino (Isidoro, detto appunto “l’agricoltore”) vissuto al tempo in cui la Spagna cercava di liberarsi dalla dominazione araba. La sua vita non è ricca di vicende straordinarie, ma è tutta una risposta alle nostre fatiche e negligenze, quando siamo tentati di scusarci per non saper come mettere assieme lavoro e preghiera.
Isidoro passa la sua giovinezza lavorando nei campi, perseguitato dall’accusa dei compagni che, vedendolo pregare a lungo, lo accusano di non lavorare abbastanza, mettendolo in cattiva luce agli occhi dei padroni. Ma accade sempre una specie di miracolo: quando il padrone si mette di puntiglio a controllare l’opera dei contadini, scopre che Isidoro ha mietuto la stessa quantità di grano e ha arato la stessa estensione di terreno dei suoi compagni.
Qualcuno spiega le cose assicurando che, quando Isidoro si ferma a pregare, un angelo lavora al suo posto. Ciò che è certamente possibile, ma forse la narrazione popolare vuol dirci, per immagini, una semplice verità: che la preghiera fatta per amore raddoppia le energie perché dà gusto e significato al lavoro.
D’altra parte è sotto gli occhi di tutti la scarsa produttività di un lavoro fatto senza amore e senza avere nessuno a cui offrirlo. Inutile dire che quella sua particolare operosità gli rendeva anche possibile la carità verso i più poveri.
Isidoro esperimentò, inoltre, la stessa fruttuosità anche nella vita coniugale e familiare: ebbe, infatti, una moglie che imparò assieme a lui la santità. Assieme sopportarono con fede la morte prematura dell’unico figlio.
Isidoro ha avuto, infine l’onore d’essere canonizzato assieme ai più grandi santi spagnoli (Teresa d’Avila, Ignazio di Loyola) e all’italiano Filippo Neri.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mar 15 Mag - 21:18

Santo del giorno 16 maggio


S. Alipio, vescovo


Ci sono dei Santi (come s. Agostino) che hanno segnato la storia con la forza immensa della loro personalità, mettendo inevitabilmente in ombra altre figure meno incisive: eppure, senza di queste, quella grandezza non si sarebbe forse realizzata. Tale è Alipio, il santo che oggi celebriamo: è poco conosciuto, eppure s. Agostino lo chiama ripetutamente “fratello del mio cuore”.

Da lui sappiamo che Alipio, da ragazzo, era stato tra i suoi scolari, poi gli era divenuto amico e compagno per tutta la vita: negli errori di gioventù, nei viaggi, nella passione per lo studio, nella conversione.

Nelle sue Confessioni Agostino è fiero di descrivere l’indole nobile e incorruttibile di questo suo amico. Avendo egli ottenuto a Roma un’importante carica che gli permetteva di amministrare molto denaro, aveva saputo resistere con forza a un potente senatore che voleva corromperlo ad ogni costo. “Era un’anima rara” – scrive Agostino – “che non si piegava alle amicizie interessate né temeva l’inimicizia di un uomo così potente, famosissimo per gli innumerevoli mezzi che aveva di far del bene o di far del male”. Fu nel giardino di Alipio che Agostino udì la voce che lo indusse a darsi interamente a Cristo: i due furono battezzati assieme il 25 aprile del 387 da s. Ambrogio. Poi condivisero anche la vita monastica, il sacerdozio e, infine, l’episcopato: Alipio fu eletto per primo alla sede di Tagaste, e poi Agostino fu eletto a quella di Ippona. I due vescovi collaborarono per circa quarant’anni, sostenendo vigorosamente la Chiesa d’Africa, lottando contro scismi ed eresie.

Morirono ambedue nello stesso anno 430, mentre la città era assediata dai Vandali.


Altri Santi del giorno

Ubaldo (XI-XII sec.);
Brendano (V-VI sec.);
Andrea Bobola (1591-1557).
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mer 16 Mag - 21:24

Santo del giorno 17 maggio


B. Antonia Mesina


C’è stato un tempo in cui i giornali parlavano di Orgosolo (una cittadina sarda, vicino a Nuoro) solo per raccontare storie di sequestri e di violenza. Anche oggi, raccontando la storia della beata Antonia Mesina (che vi nacque nel 1919, e vi morì a sedici anni) ne parliamo, ma questa volta a interessarci non è la cronaca nera, ma la cronaca della santità. C
erto violenza e sopraffazione, rivolte verso una giovane donna, restano sempre un orribile male, ma ora lo sguardo è rivolto a questa ragazza di Azione Cattolica, figlia di una guardia campestre, che seppe difendere la sua purezza a costo della vita.
Aggredita da un coetaneo mentre raccoglieva legna nel bosco, gli resistette e fu uccisa con ferocia a colpi di pietra: quando la trovarono aveva sul corpo settantaquattro ferite. Ogni vittima merita compianto e sacro rispetto, ma la Chiesa ne riconosce il martirio e la santità, quando la vittima si oppone all’aggressione, con tutta la sua vita precedente: con tutta la sua coscienza, con tutta la sua fede, con tutta la sua dignità cristiana. Il fatto che Antonia Mesina avesse ascoltato la s. Messa e ricevuto l’Eucaristia poco prima di essere aggredita ci dice con tutta evidenza che fu aggredito in lei anche il corpo di Cristo. E che la sua fierezza e la sua resistenza furono anche un dono del suo Sposo Gesù.
Nella predica per la beatificazione di Antonia, Giovanni Paolo II disse con poetica tenerezza: «Il fascio di legna raccolto per fare il pane nel forno di casa, quel giorno di maggio del 1935, rimane sui monti accanto al suo corpo straziato da decine e decine di colpi di pietra.
Quel giorno si accende un altro fuoco e si prepara un altro pane per una famiglia molto più grande».

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Gio 17 Mag - 22:29

Santo del giorno 18 maggio


S. Felice da Cantalice


Già il nome di questo frate cappuccino, nato nel 1515, evoca gioia e serenità, anche se personalmente egli conduceva una vita molto austera, spesso immerso in preghiera e nella mistica contemplazione del suo Gesù Crocifisso. Aveva l’ufficio di “frate cercatore” e ciò lo tenne, per quarant’anni, a stretto a contatto col popolo romano: percorreva le vie della città questuando pane, vino e olio per i suoi frati e i suoi poveri; e i giorni festivi li passava negli ospedali a dare conforto ai malati.

La gente lo chiamava frate «Deo gratias» perché questa è la formula con cui sempre salutava e ringraziava i suoi benefattori. Si definiva “l’asinello del Signore”. Era analfabeta e diceva di conoscere soltanto sei lettere: cinque rosse (le piaghe di Cristo) e una bianca (la Vergine Santa). E con questa particolare “cultura”, divenne consigliere spirituale di poveri e di aristocratici, oltre che di altri santi, a lui devoti. Strinse una particolare amicizia con s. Carlo Borromeo e con s. Filippo Neri.

Quando la gente vedeva Felice e Filippo discorrere assieme per strada accorreva a contemplare quello straordinario spettacolo e si dicevano l’un l’altro “Guarda un Santo che parla con un altro Santo”. Al popolo egli insegnava proverbi, preghiere e semplici ballate da lui stesso composte: «Se tu non sai la via / d’andare in paradiso, / vattene a Maria / con pietoso viso; / Lei ch'è clemente e pia / t’insegnerà la via / d’andare in paradiso». Se compiva qualche miracolo, era quasi sempre a favore di poveri fanciulli sofferenti (per questo lo chiamavano: “Il santo dei fanciulli”).

Ma compì anche il miracolo della rigenerazione di un allevamento di bachi marciti per un’infezione Per questo i bachicultori lo invocano come patrono.


Altri Santi del giorno

S. Giovanni I, papa e martire (VI sec.);
S. Erik IX di Svezia (XII sec.).
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Ven 18 Mag - 22:33

Santo del giorno 19 maggio


S. Pietro Celestino
Il coraggio della rinuncia, a cura di Antonio Maria Sicari

Il pontificato di Celestino V durò solo due mesi e mezzo e s’interruppe con la rinuncia, caso rarissimo nella storia dei papi. Era stato eletto da un conclave ridotto all’estremo, che durava da più di ventisette mesi, senza riuscire ad accordarsi. Alla fine, dato che le ingerenze dei regnanti del tempo si facevano sempre più pericolose, i pochi cardinali rimasti avevano scelto il monaco Pietro del Morrone, che conoscevano solo per fama di santità.
Fu consacrato a L’Aquila e non si recò mai a Roma. Nelle ultime settimane si trasferì a Napoli, sperando nel sostegno del re Carlo d’Angiò. Non aveva esperienza di governo e si lasciva facilmente suggestionare da consiglieri interessati. Tutti lo ammiravano per la sua “semplicità”, ma in bocca ad alcuni questa parola aveva anche un suono derisorio. Così, quando Celestino si accorse di non poter adempiere il proprio ministero, trovò il coraggio e la forza di rinunciare al papato e di tornare umilmente al suo eremo. Il suo gesto fu mal giudicato da chi considerò una iattura la nomina del suo successore Bonifacio VIII.
Tra i denigratori pare ci sia stato anche Dante che avrebbe messo Celestino V all’Inferno, definendolo: “Colui che fece per viltade il gran rifiuto”. Ma il riferimento non è certo. Egli fu, invece, ammirato da chi riconobbe la grandezza d’animo e l’umiltà dell’anziano papa che seppe riconoscere la propria impotenza. Per evitare rischi di contrapposizioni nella Chiesa, Bonifacio VIII costrinse il suo predecessore a un domicilio coatto, aggravandone le sofferenze, ma accrescendo nel popolo la fama della santità di Celestino.
Il ricordo più bello che egli ci ha lasciato è “la Perdonanza”, la grande indulgenza plenaria, legata alla sua Basilica di Santa Maria di Collemaggio, che egli volle concedere a tutti i peccatori, sei anni prima del grande giubileo del 1300.


Altri Santi del giorno

S. Urbano I (222-230);
S. Crispino da Viterbo (1668-1750).

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Dom 20 Mag - 21:34

Santo del giorno 21 maggio

Santi Martiri Messicani

Santi Cristoforo Magallanes, sacerdote, e compagni*, martiri, che in varie regioni del Messico, perseguitati in odio alla fede cristiana e alla Chiesa cattolica, per aver professato Cristo Re ottennero la corona del martirio.
* I loro nomi sono: i sacerdoti Romano Adame, Rodrigo Aguilar, Giulio Álvarez, Luigi Batis Sáinz, Agostino Caloca, Matteo Correa, Attilano Cruz, Michele de la Mora, Pietro Esqueda Ramírez, Margarito Flores, Giuseppe Isabel Flores, Davide Galván, Pietro Maldonado, Gesù Méndez, Giustino Orona, Saba Reyes, Giuseppe Maria Robles, Turibio Romo, Gennaro Sánchez Delgaldillo, Tranquillino Ubiarco e Davide Uribe; e i laici Emanuele Morales, Salvatore Lara Puente e Davide Roldán Lara.

Altri Santi del giorno

S. Timoteo, diacono e martire;
S. Ospicio, eremita.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Lun 21 Mag - 21:37

Santo del giorno 22 maggio


S. Rita da Cascia


Nacque in Umbria, a Roccaporena, nel 1381.
Giovanissima fu costretta ad accettare la volontà dei genitori che la diedero in sposa a Paolo Mancini, un giovane nobile, ma di notoria violenza. Con la sua dolcezza – non senza averne prima subito i maltrattamenti – Rita riuscì ad ammansire il focoso marito, ma ciò non impedì che gli odi accumulati tra le famiglie esplodessero e costassero a Paolo la vita.
Rita cercò in ogni modo di proteggere dalla contaminazione dell’odio i due figli adolescenti che già ardevano dal desiderio di vendicare il padre, ma, vedendo inutili i suoi sforzi, disse a Dio che preferiva che Egli se li prendesse, piuttosto che vederli cadere, con l’odio nel cuore, vittime delle proprie e delle altrui vendette.
Si dedicò quindi alla rappacificazione tra le famiglie lacerate da antichi rancori e, quando la pace fu finalmente realizzata, chiese d’essere accolta nel monastero agostiniano di Cascia. Vi portò tutta la sua dolcezza e la sua sofferenza, ma vissute come mistico abbandono a Gesù Crocifisso. E fu tale l’immedesimazione con Lui che un giorno Rita ricevette sulla fronte la grazia di una ferita lasciata da una spina. Da allora fu tutto un fiorire di miracoli che attrassero al monastero folle di devoti. E il pellegrinaggio dura da secoli, con tale abbondanza di prodigi, che ella viene universalmente invocata come «la Santa degli impossibili», di coloro, cioè, che sperano al di là dell’umanamente possibile.
Rita morì nel 1457. Si racconta che prima di morire ella abbia chiesto una rosa e, benché fuori stagione, fu trovato nel giardino un roseto in piena fioritura. A tal episodio si rifà la tradizione della benedizione delle rose, nel giorno della festa della santa. Per la compiutezza della sua vita (di fidanzata, sposa, madre, vedova, religiosa) Rita è una delle sante più amate dal popolo.


Altri Santi del giorno

S. Giulia (V sec.);
S. Giovanni di Parma (X sec.).
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mar 22 Mag - 21:53

Santo del giorno 23 maggio


S. Giovanni Battista De' Rossi


Nacque nel 1698 in provincia di Genova, da una famiglia povera e afflitta da molte sventure. Rimasto orfano, fu educato a Roma da un cugino sacerdote che lo avviò agli studi ecclesiastici.

Soffriva di attacchi di epilessia che lo tormentarono per tutta la vita, ma non ne trasse mai motivo né per impigrirsi né per cercare privilegi. Fece anzi il voto di non chiedere né accettare mai cariche ecclesiastiche. Spendeva tutte le sue forze per i poveri del quartiere e per ogni sorta di emarginati: si curava degli studenti poveri, dei giovani privi d’istruzione religiosa, degli abitanti dei tuguri, della gente dei campi, priva di ogni assistenza religiosa, dei carcerati, dei malati negli ospedali. Si dedicava soprattutto a questi ultimi, dicendo che gli ospedali erano le sue Indie, dove il Signore lo inviava come missionario.

La sua caratteristica era di saper “animare” ambienti e gruppi, senza mai volerli “dirigere” o acquistar potere su di essi. Negli ultimi anni i peccatori che a lui ricorrevano erano talmente numerosi da costringerlo a trascorrere molte ore del giorno in confessionale Quando pregava o celebrava la santa Messa, la sua emozione era così evidente che i presenti si commuovevano con lui e per lui. Dal cugino, ch’era stato canonico in santa Maria in Cosmedin, ricevette una buona eredità, ma la consumò tutta per soccorrere gli innumerevoli poveri che lo assediavano, ai quali donò perfino i mobili e le sue vesti, riducendo se stesso come un mendicante.

Morì a sessantasei anni, soffrendo un vero calvario sia per l’epilessia che per la progressiva cecità, lasciando però in tutti un ricordo luminoso e commovente di fiducioso abbandono in Dio.


Altri Santi del giorno

S. Desiderio di Langres (III-IV sec.);
S. Onorato (VI sec.);
S. Spes, abate.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mer 23 Mag - 21:54

Santo del giorno 24 maggio


S. Vincenzo di Lérins


Lérins è un'isola dell’arcipelago omonimo (situato nel Mediterraneo, davanti a Cannes), nota per un celebre monastero dove Vincenzo approdò, dopo aver trascorso una giovinezza piuttosto turbolenta, agli inizi del sec. V, dedicandosi alla preghiera e allo studio.
Non è un santo molto noto, ma tutti gli studiosi di problemi teologici conoscono il suo nome per un’opera da lui scritta nel 434, quand’era già avanti negli anni. Si tratta del Commonitorium (definito da s. Roberto Bellarmino “un libro tutto d’oro”). In esso viene trattato il problema di come debba essere trasmessa la vera fede cristiana e secondo quali regole. Vi si trovano un paio di principi divenuti celebri.
Il primo di essi dice che “bisogna soprattutto preoccuparsi perché sia conservato e trasmesso ciò che è stato creduto in ogni luogo, in ogni tempo e da tutti”. È un principio saggio, anche se serve a escludere dottrine erronee piuttosto che a precisare la vera dottrina.
Il secondo principio dice che nella fede cristiana, col passare dei secoli, ci può essere uno sviluppo o un progresso, ma a patto che ciò accada “eodem sensu ac sententia”, come avviene negli organismi viventi (ad esempio nelle piante e nel corpo umano) che crescono, pur restando se stessi. Fedeltà alla tradizione e sviluppo della Dottrina sono dunque le due condizioni necessarie “per sfuggire alle frodi e ai lacci degli eretici” e per garantire un armonico sviluppo della scienza teologica nella Chiesa.
Le norme dettate da S. Vincenzo di Lérins sono molto più conosciute di quanto lo sia la sua vita. Ma dobbiamo essergli grati perché egli ci aiuta anche oggi a orientarci e a saper distinguere i veri dai falsi maestri.


Altri Santi del giorno

S. Maria Ausiliatrice;
S. Gennadio di Astorga, vescovo (X sec.);
S. Agostino Yi Kwang e Agata Kim A-gi, martiri coreani (XIX sec.);
.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Gio 24 Mag - 14:50

del giorno 25 maggio


S. Gregorio VII


Nell’immaginario popolare la figura di Gregorio VII (anche per chi ne ha dimenticato il nome e l’opera) è quella del papa severo che, a Canossa, fa attendere tre giorni alla porta del castello – in pieno inverno, mentre fiocca la neve – l’imperatore Enrico IV, che egli aveva scomunicato perché pretendeva nominare i vescovi come se fossero suoi feudatari.

Non era rara perciò la compravendita delle cariche e la nomina di persone indegne. Perfino l’elezione del papa era condizionata dall’imperatore, e il danno sembrava ormai irrimediabile. La fortuna fu che si era riusciti a far nominare cardinale e abate del monastero di s. Paolo fuori le Mura il monaco benedettino Ildebrando che godeva fama di santità e di grande forza morale, il quale s’era subito schierato tra i più decisi riformatori del clero e della curia. Ed ecco che nel 1073, alla morte di papa Alessandro II, il popolo radunato nella Basilica del Laterano per i funerali, acclamò papa Ildebrando. L’elezione non era regolare, ma fu poi ratificata dai cardinali elettori che vi videro un segno di Dio. Divenuto papa col nome di Gregorio VII, egli decise di condurre fino in fondo la riforma della Chiesa, interessandosi anche della evangelizzazione dell’Europa dell’Est e del Nord.

Purtroppo nel 1084 l’imperatore tornò in Italia, riuscendo ad espugnare anche Roma, mentre il papa restava assediato a Castel Sant’Angelo. In suo soccorso vennero i normanni di Roberto il Guiscardo, ma i liberatori furono i peggiori nemici: devastarono Roma e costrinsero il papa a risiedere a Salerno. Qui il grande pontefice morì, esclamando desolato (secondo la tradizione): “Ho amato la giustizia e odiato l’iniquità, per questo muoio in esilio”.

La sua riforma, però, aveva cominciato a portare frutti di libertà e di santità nella Chiesa.


Altri Santi del giorno

S. Beda (VII-VIII sec.);
S. Maria Maddalena de' Pazzi (1566-1607).



avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Ven 25 Mag - 21:44

Santo del giorno 26 maggio


S. Filippo Neri


Era nato nel 1515 a Firenze, ed era un ragazzo così tranquillo e generoso che tutti lo chiamavano «Pippo bòno». Poi si trasferì a a Roma per studiare e divenne precettore in casa di un banchiere fiorentino.
Non era sacerdote, ma a volte aiutava (anche nella predicazione) un vecchio prete e spesso portava la propria testimonianza cristiana nei quartieri poveri, nelle carceri e negli ospedali. Aveva poi la passione di visitare le antiche catacombe cristiane, dove s’immergeva in preghiera. In previsione del Giubileo del 1550 fondò una confraternita per assistere i pellegrini che si sarebbero riversati a Roma. Accettò poi di farsi ordinare sacerdote, ma a patto di mantenere una certa sua libertà. Così prese dimora in una stanzetta presso la Chiesa di S. Girolamo, dove invitava amici, penitenti e soprattutto ragazzi in cerca di una buona educazione cristiana. Nacque così il primo Oratorio della storia, dove – sotto la guida di Filippo – si tenevano incontri, conferenze, attività ricreative e musicali.
Divenne particolarmente celebre e frequentato il Carnevale da lui organizzato per contrastare la licenziosità pagana allora in uso. A partire dal 1564 attorno a Filippo si radunò anche una comunità di sacerdoti che volevano vivere e operare secondo quel suo stile che coniugava così bene umanità, santità e libertà. A Roma era celebre l’umorismo di Filippo (condensato spesso in aforismi, storielle e burle) che sapeva farsi pedagogia serena e intelligente. Anche il confessionale di Filippo era molto ricercato e il santo vi dedicava lunghe ore del giorno e della notte.
Morì a ottant’anni, dopo alcuni mesi di malattia, dicendo di soffrire molto, ma solo perché «a Gesù era toccata una Croce e a lui un letto comodo e pulito».
Lo definirono «il santo della gioia cristiana».


Altri Santi del giorno

S. Lamberto (XII sec.);
S. Maria Anna de Paredes Flores (1618-1645).



avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Sab 26 Mag - 21:27

Santo del giorno 27 maggio


Lo Spirito che dà vita alla Parola
Domenica di Pentecoste

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio (...). Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Cinquanta giorni dopo Pasqua, la discesa dello Spirito santo, raccontata dagli Atti degli Apostoli con la mediazione dei simboli. La casa, prima di tutto. Un gruppo di uomini e donne nella stanza al piano superiore (Atti 1, 13), dentro una casa, simbolo di interiorità e di accoglienza; nella stanza al piano alto, da dove lo sguardo può spaziare più lontano e più in alto; in una casa qualunque, affermazione della libertà dello Spirito, che non ha luoghi autorizzati o riservati, e ogni casa è suo tempio.
Il vento, poi: all'improvviso un vento impetuoso riempì tutta la casa (Atti 2, 2), che conduce pollini di primavera e disperde la polvere, che porta fecondità e smuove le cose immobili. Che non sai da dove viene e dove va, folate di dinamismo e di futuro. «Lo Spirito è il vento che fa nascere i cercatori d'oro» (Vannucci), che apre respiri e orizzonti e ti fa pensare in grande. Mentre tu sei impegnato a tracciare i confini di casa tua, lui spalanca finestre, dilata lo sguardo. Ti fa comprendere che dove tu finisci inizia il mondo, che la fine dell'isola corrisponde all'inizio dell'oceano, che dove questa tua vita termina comincia la vita infinita. Tu confini con Dio.
Poi il simbolo del fuoco. Lo Spirito tiene acceso qualcosa in noi anche nei giorni spenti, accende fiammelle d'amore, sorrisi, capacità di perdonare; e la cosa più semplice: la voglia da amare la vita, la voglia di vivere. Noi nasciamo accesi, i bambini sono accesi, poi i colpi duri della vita possono spegnerci. Ma noi possiamo attingere ad un fuoco che non viene mai meno, allo Spirito, accensione del cuore lungo la strada e sua giovinezza.
Giorno di Pentecoste e ci domandiamo: come agisce lo Spirito santo, che cosa fa in noi e per noi? Dice l'angelo a Maria: Verrà lo Spirito e porterà dentro di te il Verbo (Luca 1, 35). Dice Gesù ai discepoli: Verrà lo Spirito e vi riporterà al cuore tutte le mie parole. Da duemila anni lo Spirito ripete incessantemente nei cristiani la stessa azione che ha compiuto in santa Maria: incarnare il Verbo, dare vita alla Parola. Lo fa ad esempio quando leggo il Vangelo: per anni mi accade che le parole scivolino via, come cose che so da sempre, senza presa sul cuore. Poi un giorno succede che una di queste parole all'improvviso si accende, mi pare di sentirla per la prima volta, la pagina del Vangelo palpita, come una lettera indirizzata a me, scritta per me, contemporanea ai miei sogni, alle mie pene, ai miei dubbi. È lo Spirito che mi ri-corda (letteralmente: mi riporta al cuore) le parole di Gesù. Al cuore, non alla mente. Le fa germe vitale, non elaborato mentale: e ti tocca quel Dio «sensibile al cuore» sognato da Pascal.

(Letture: Atti 2, 1-11; Salmo 103; Galati 5, 16-25; Giovanni 15,26-27; 16,12-15)

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Dom 27 Mag - 22:15

S. Germano, vescovo


La vita di s. Germano è nota soprattutto attraverso la biografia scritta dal suo amico Fortunato di Poitiers impostata, peraltro, con un troppo evidente gusto per il meraviglioso. I documenti piú seri, relativi soprattutto alla fondazione dell'abbazia di S. Germano e ai primi tempi della sua storia, sono scomparsi al tempo delle invasioni normanne, alla fine del IX sec., e non è quindi possibile effettuare su di essi un controllo severo. Altri documenti sono falsi, redatti molto tempo dopo.
Germano, nato ad Autun verso la fine del V sec., sarebbe stato vittima di due tentativi di assassinio, a cui sfuggí miracolosamente: il primo per una minaccia di aborto mentre la madre lo attendeva ed il secondo poco dopo per avvelenamento. Doveva essere di famiglia relativamente agiata dato che proseguí negli studi ad Avállon. Per quindici anni abitò presso un parente, Scopillone, in una località di incerta identificazione: Laizy (Saoneet-Loire), o Lucey (Cote-d'Or). Già in quest'epoca, senza dubbio, doveva condurre vita eremitica o di reduso, usanza assai frequente nella Francia del V e VI sec. Richiamato da Agrippino, vescovo di Autun, è ordinato diacono e poi, tre anni dopo, prete. Il successore di Agrippino, Nettario, gli affida la direzione del monastero di S. Sinforiano che egli risolleva, non senza difficoltà, dalla decadenza e nel quale egli cercherà i primi elementi per la sua fondazione parigina.
Verso il 556, mentre si trova a Parigi presso il re Chilperico, questi, che apprezza i suoi consigli, lo chiama a succedere al vescovo Libano. D'ora in avanti egli dedicherà parte del suo zelo al compito di moderatore presso il principe ed i suoi successori Clotario e Cariberto; moderatore, tuttavia, piú o meno ascoltato, soprattutto in occasione delle crudeli lotte che segnarono la successione di Clotario e che resero famosi i sinistri nomi delle regine Brunechilde e Fredegonda. Fortunatamente conobbe anche la sposa di Clotario, s. Redegonda, e nel 561, a Poitiers, vide anche benedire la prima badessa di Santa Croce, stabilendo nella stessa epoca legami di amicizia con il poeta Fortunato, suo futuro biografo.
Il nome di Germano è soprattutto legato alla fondazione, da parte di Chilperico, dopo il 543, di un monastero destinato ad ospitare i trofei riportati dalla Spagna: ciò spiega il primitivo patronato della Santa Croce e di S. Vincenzo di Saragozza. Qui Germano chiamò alcuni monaci da S. Sinforiano, sotto la direzione di Drottoveo, e ne consacrò la chiesa un 23 dicembre, probabilmente del 558.
Infine Germano partecipò ad alcuni grandi avvenimenti della Chiesa di Francia: il concilio di Tours del 567, i concili di Parigi, tra cui quello del 573, e la consacrazione del vescovo Felice di Bourges nel 570. Fino a data recente gli si attribuivano anche due lettere, molto interessanti per la conoscenza della liturgia gallicana, che, tuttavia, il Wilmart ha dimostrato essere a lui posteriori.
Germano morì ottuagenario il 28 maggio 576 e fu inumato nella cappella di S. Sinforiano attigua alla chiesa abbaziale, in una tomba decorata, verso il 635, da s. Eligio, consigliere di re Dagoberto. Nel 54, per ordine di Pipino il Breve, fu effettuata una solenne traslazione alla presenza del giovane Carlo Magno e di numeroso clero; tale traslazionè portò al cambiamento della dedicazione della chiesa, mentre avvenivano i miracoli narrati abbondantemente dal monaco Aimone.
Da questo momento il monastero e la sua chiesa (distinta dalla antica chiesa di St.-Germainle-Vieux, demolita nel 1802) onorano il quartiere di St.-Germain-des-Prés, importante centro di vita benedettina dei secc. XVII-XVIII ed uno dei piú pittoreschi della Parigi moderna.

Altri Santi del giorno

S. Giusto, vescovo;
Sant'Ubaldesca, vergine;
B. Ercolano da Piegaro, dell'Ordine dei Minori.
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Lun 28 Mag - 21:29

Santo del giorno 29 maggio


S. Orsola Ledókowska


Giulia Maria Ledóchowska apparteneva a una famiglia ricca di relazioni e di doni: il papà (originario di Cracovia) era un alto ufficiale austriaco, la mamma apparteneva alla nobiltà svizzera, uno zio era arcivescovo e cardinale, un fratello era destinato a diventare superiore generale dei Gesuiti, una sorella sarebbe diventata fondatrice di un nuovo istituto religioso.

La sua educazione fu particolarmente accurata e serena, tanto che, a ventun’anni, ella disse semplicemente ai genitori che era suo dovere “cominciare a restituire al Signore tutto il bene che essi le avevano dato fin da bambina”: “doveva perciò farsi Santa”. Scelse di entrare tra le suore Orsoline (prendendo il nome di Urszula) per dedicarsi all’educazione delle fanciulle. E poiché, proprio in quegli anni, le ragazze avevano ottenuto il diritto di frequentare l’università, si dedicò ad aiutare quelle meno abbienti: per loro aprì un pensionato a Cracovia. Poi fece lo stesso a s. Pietroburgo, sfidando la polizia segreta russa. Ne aprì ancora uno in Finlandia, poi in Svezia, dove fondò anche il primo quotidiano cattolico.

Tre anni dopo si recò in Danimarca ad assistere i profughi polacchi. Nel 1920 decise di fondare lei stessa un nuovo ramo di Orsoline più orientato verso il mondo delle ragazze emarginate e dei bambini più poveri. Alla sua morte l’Istituto conterà già trentacinque case e più di mille religiose. A esse proponeva “un nuovo tipo di apostolato”: “quello del sorriso che dissipa sempre le nuvole che s’addensano nell’animo, e ci ricorda che abbiamo in cielo un Padre sempre pronto a venire in nostro aiuto”. Ne dava lei stessa testimonianza, dicendo: “In cinquanta anni di vita religiosa non ho avuto un momento in cui mi sia sentita infelice”.

È stata canonizzata nel 2003 da papa Giovanni Paolo II.


Altri Santi del giorno

S. Massimino (IV sec.);
Ss. Martiri della Val di Non (IV sec.).
avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Attilio Citrino il Mar 29 Mag - 21:44

Santo del giorno 30 maggio


S. Giovanna D'Arco


La vicenda storica e teologica di Giovanna d’Arco non è di facile comprensione, ma ella resta comunque una delle sante più conosciute e amate.
La storia della contadinella di Domremy mandata da Dio a liberare la Francia è certamente straordinaria e oggi molti riconoscono che, senza il suo intervento, la storia dell’Europa non sarebbe stata la stessa e la sua identità cristiana sarebbe stata a rischio.
La liberazione di Orléans realizzata da un esercito guidato dalla “Pulzella” (cioè da una ragazza diciassettenne, vergine) provocò la meraviglia e l’entusiasmo di tutto il popolo francese e l’incoronazione di Carlo VIII nella Cattedrale di Reims sembrò l’avverarsi di un sogno, umanamente impossibile.
Alcuni si chiedono quale santità ci fosse nel guidare un’armata e nell’affrontare sanguinosi combattimenti, ma Giovanna partecipava al combattimento solo innalzando uno stendardo e infondendo coraggio con la sua certezza di fede che la liberazione della Francia era voluta da Dio.
Anche ai soldati Giovanna imponeva comportamenti di giustizia e di lealtà, allora non usuali. In seguito ella avrà modo di dimostrare la sua durante il processo che dovette subire quando cadde prigioniera degli inglesi. Seppe custodire la sua purezza e la sua assoluta fedeltà alla Chiesa nonostante che a giudicarla e a condannarla ingiustamente fossero degli ecclesiastici.
Aveva solo diciannove anni, quando fu arsa viva sulla piazza del vecchio mercato di Rouen e un testimone ha raccontato: «Avvolta ormai dal fuoco, Giovanna gridò più di sei volte: “Gesù!”, e soprattutto col suo ultimo respiro gridò con voce forte “Gesù!”, al punto che tutti i presenti poterono udirla. E quasi tutti piangevano di pietà».
In seguito fu lo stesso papa a riabilitarla, definendola “figlia prediletta della Chiesa”.
Nel 1920 è stata canonizzata e proclamata patrona di Francia.


Altri Santi del giorno

S. Giuseppe Marello (XIX sec.);
S. Uberto (VII sec.);
S. Gavino, martire.

avatar
Attilio Citrino

Numero di messaggi : 4443
Data d'iscrizione : 26.09.09
Età : 57

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL SANTO DEL GIORNO

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 17 di 19 Precedente  1 ... 10 ... 16, 17, 18, 19  Seguente

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum